Capitale italiana della cultura 2024

Capitale italiana della cultura 2024, c’è l’annuncio: chi ha vinto

Capitale italiana della cultura 2024, c’è l’annuncio: ecco chi ha vinto! Vi abbiamo raccontato tutto nei minimi dettagli nel nostro pezzo

CAPITALE ITALIANA DELLA CULTURA 2024: SCOPRIAMO INSIEME CHI SI AGGIUDICA IL TITOLO- In tanti ci avete chiesto nelle ultime ore quale fosse la città che potesse vincere il titolo di “Capitale italiana della cultura 2024”. Ebbene, signori, abbiamo un vincitore: è Pesaro! A dare la notizia ufficiale è stato  il ministro della Cultura, Dario Franceschini. Le città finaliste erano dieci: Ascoli Piceno, Chioggia (VE), Grosseto, Mesagne (BR), Pesaro, Sestri Levante con il Tigullio (GE), Siracusa, Unione dei Comuni Paestum-Alto Cilento (SA), Viareggio (LU) e Vicenza. Il titolo di Capitale italiana della cultura è conferito sempre da Franceschini e ha durata di un anno.

Alla città che trionfa va 1 milione di euro, destinato alla realizzazione del progetto scelto dalla giuria. Pesaro è dunque la Capitale italiana della cultura 2024 e può vantare un patrimonio artistico-culturale davvero molto importante ed affascinante. Sono tanti i monumenti che si possono ammirare a Pesaro, ad esempio: la quattrocentesca Rocca Costanza al Palazzo Ducale ora sede della Prefettura fatto erigere da Alessandro Sforza nella seconda metà del XV secolo, il Museo Archeologico Oliveriano ai Musei Civici.

Emozionatissimo il Sindaco per questo storico traguardo. Ecco le parole di Matteo Ricci, primo cittadino di Pesaro: “La vittoria la dedichiamo a Kharkiv, città della musica Unesco come noi in Ucraina, in questo momento sotto le bombe”. Nella speranza che la guerra cessi presto, la nostra redazione si accoda ai tanti complimenti ricevuti da Pesaro in queste ore e ne contempla la bellezza artistica.

Resta sempre aggiornato sulle ultime notizie. Continua a seguirci anche sulla nostra pagina Facebook ufficiale. Lascia un mi piace qui.

Ti potrebbe interessare anche questa notizia: “GF VIP: Manila scopre che la chiamavano lavapiatti. Come ha reagito”. Clicca qui.

Ci trovi pure su Twitter. Dai uno sguardo alla nostra pagina. Clicca qui.